Saggi

1 (2004)

Roger Chartier, Editer Shakespeare (1623-2004), p. 7
Francesco Benozzo, Filologia al bivio: ecdotica celtica e romanza a confronto, p. 24
Lucio Castaldi, Paolo Chiesa, Guglielmo Gorni, Teoria e storia del Lachmannismo, p. 55
Neil Harris, Riflettendo su letteratura e manufatti: profilo di George Thomas Tanselle, p. 82
Cristina Urchueguìa, «Kritisches Edieren». L’edizione critica in Germania oggi, p. 116

2 (2005)

Luciano Formisano, Gaston Paris e i “nouveaux phlilologues”, p. 5
Francisco Rico, “Lectio fertilior”: tra la critica testuale e l’ecdotica, p. 23
Pasquale Stoppelli, Dentro la LIZ, ovvero l’edizione dei mille testi, p. 42
Peter Shillingsburg, Verso una teoria degli atti di scrittura, p. 60
Paul Eggert, These post-philological days…, p. 80

3 (2006)

Neil Harris, Profilo di un incunabolo: le «Epistolae in cardinalatu editae» di Enea Silvio Piccolomini (Roma 1475), p. 7
Federico Della Corte, “Usus scribendi, “ratio typographica” e altri preliminari a un’edizione di Aretino, p. 34
Cristina Urchueguía, Tra poetica e fisica. Nota preliminare a Martens e Reuß, p. 51
Gunter Martens, Sul compito critico dei filologi editoriali . Tesi per un concetto allargato di critica testuale, p. 60
Roland Reuss, Vicende del manoscritto, vicende della stampa. Appunti sulla “genesi del testo”, p. 75
David C. Greetham, Philology Redux?, p. 103

4 (2007)

David Parker, Il testo del Nuovo Testamento i manoscritti, le varianti e le moderne edizioni critiche, p. 7
Neil Harris, La sopravvivenza del libro, ossia appunti per una lista della lavandaia, p. 24
Alberto Sebastiani, Il Fabbricone 1959-1961: una “bassanizzazione”? p. 66
Daniel Ferrer, Pourquoi la textologie russe?, p. 101
Giorgio Forni e Marco Veglia, Ezio Raimondi: il metodo di un filologo umanista, p. 129

5 (2008)

Paola Italia e Giorgio Pinotti, Edizioni d’autore coatte: il caso di Eros e Priapo (con l’originario primo capitolo, 1944-46), p. 7
Albert Lloret, La formazione di un canzoniere a stampa, p. 103
Susanna Villari, Tra bibliografia e critica del testo: un esempio dell’editoria cinquecentesca, p. 126
Antonio Miranda-García and Javier Calle-Martín, A survey of non-traditional authorship attribution studies, p. 147
Enrico Fenzi e Francesco Bausi, Filologie e ideologie (Due contributi di Luciano Canfora), p. 169

7 (2010)

Canoni liquidi, a cura di Domenico Fiormonte
D. F., Senza variazione non c’è cultura, p. 7
Marcello Buiatti, I linguaggi della vita, p. 9
Gian Luigi Prato, Gli scritti biblici tra utopia del canone fisso e fluidità del testo storico, p. 19
Giovanni Cerri, Omero liquido, p. 31
Neil Harris, A whimsy on the History of Canon, p. 42
Ugo Rozzo, La tipografia nelle illustrazioni dei libri del seicento, p. 55

8 (2011)

Conor Fahy, The Printed Book in Italy. Edited by Neil Harris, p. 7
Roger Chartier, Qu’est-ce qu’un livre?, p. 29
Shane Butler, La question de la page. Avec un appendice, «Nostalgia de la page», de José Antonio Millán, p. 45
Antonio Corsaro, L’autorialità del revisore. Intorno a una raccolta di rime di Michelangelo, p. 58
Giovanni Biancardi, Nella selva delle stampe pariniane, p. 75
Luciano Canfora, La «stranna lettera» ad Antonio Gramsci, p. 86

9 (2012)

Peter Robinson, The textual tradition of Dante’s Commedia and the “Barbi loci” , p. 7
Alberto Cadioli, Dare un cronologia alle carte del Giorno di Parini. Una riflessione metodologica, p. 39
Dolores Troncoso, Los dos textos de los Episodios nacionales, p. 69
Paul Eggert, Anglo-American critical editing. Concepts, terms and methodologies, p. 113

10 (2013)

Work and document, a cura di Barbara Bordalejo, p. 1
Bárbara Bordalejo, Introduzione, p. 7
Peter Robinson, The Concept of the Work in the Digital Age, p. 13
Hans Walter Gabler, Editing Text – Editing Work, p. 42
Paul Eggert, What We Edit, and how We Edit; or, why not to Ring-Fence the Text, p. 50
Bárbara Bordalejo, The Texts We See and the Works We Imagine: the Shift of Focus of Textual Scholarship in the Digital Age, p. 64
Peter Shillingsburbg, Literary Documents, Texts, and Works Represented Digitally, p. 76
Marika Piva, La Fragmentation des «Mémoires d’outretombe», p. 94
Inés Fernández-Ordóñez, Trasmissione e metamorfosi. Verso una tipologia dei meccanismi evolutivi nei testi medievali, p. 118

11 (2014)

David Greetham, Michelangelo Zaccarello, La repubblica delle lettere di Jerome McGann
D.G., The end(s) of reading from Nietzsche to McGann, p. 7
M.Z., Il posto dell’edizione critica nella «nuova repubblica delle lettere» di Jerome McGann, p. 15
Anna Scannapieco, Sulla filologia dei testi teatrali, p. 26
Mark Byron, Archive, Text, Screen: Remediations of Modernist Manuscripts, p. 56

12 (2015)

Anna Carocci, Stampare in ottave. «Il Quinto libro dello Inamoramento de Orlando», p. 7
Claudio Lagomarsini, The Scribe and the Abacus. Variants and Errors in the Copying of Numerals (Medieval Romance Texts), p. 30
Maria Rita Digilio, Esperienze ecdotiche sul metodo del Lachmann. In margine all’edizione dell’ «Iwein» di Hartmann Von Aue, p. 58

13 (2016)

Pasquale Stoppelli, Un’altra commedia per Machiavelli, p. 9
Valeria Guarna, Il catalogo delle editiones di Aldo Manuzio: tra principes e ristampe, p. 41
Donatella Martinelli, «Eccoti il figlio…». Nuovi studi sulla Ventisettana dei Promessi sposi e qualche osservazione sulla copia ‘staffetta’, p. 68